Home Commedie
PDF Stampa E-mail
AddThis Social Bookmark Button

 

’A MUNNEZZA
Commedia in tre atti

Prima dell’opera, allestita negli Stati Uniti d’America, a Jacksonville in Alabama, dalla Jacksonville State University nel workshop diretto dal regista Randal Blades nel 2012 nella sua versione inglese tradotta dal professore di lingua e letteratura inglese presso la Jacksonville State University, nonché traduttore inglese di Italo Svevo, Carmine G. Di Biase. È stata già tradotta, oltre all’inglese, in serbo-croato, spagnolo rioplatense, polacco, tedesco e francese e in fase di traduzione in altre lingue. L’opera scritta nel 2002 è la commedia che ha trattato in chiave comica il problema rifiuti prima che l’emergenza scoppiasse fino a raggiungere le cronache internazionali.

 

’A MBRUGLIATA
Commedia in tre atti

Tradotta in russo, francese e greco, l’opera racconta, in chiave umoristica, un intreccio della corruzione nella casa di un assessore comunale in cui la corruzione comincia dalla cameriera dello stesso che prende accordi sottobanco con un’impresa di pulizie per la concessione dell’esecuzione delle pulizie in casa facendosi pagare una tangente. L’intreccio poi si esaspera fino all'inverosimile.

 

TRA DI NOI
Atto Unico o Corto teatrale

L’opera ha debuttato negli Stati Uniti d’America, in un workshop presso il The City College of New York diretto dal regista italoamericano Vittorio Capotorto, assieme ad un altro atto unico di Alessandro Casola Il vestito, un estratto di Questa sera si recita a soggetto di Luigi Pirandello e un monologo di Aldo Nicolaj, La clausola. Lo stesso regista ha poi inserito l’opera all’interno del Festival Internazionale dell’Orlando Innamorato che si svolge in Puglia a Ugento assieme a due atti unici appartenenti alla drammaturgia classica napoletana, Dolore sotto chiave di Eduardo De Filippo e Miseria Bella di Peppino De Filippo. L’opera tutta al femminile racconta, come scritto dalle note dello stesso regista Capotorto, “una consueta rivalità tra due signore, nel “possesso” del proprio coniuge, mette in evidenza un originale modo di rendere la vita casalinga accettabile, grazie ad una solidarietà fra donne”.

 

IL PLAGIO
Commedia in tre atti

Già tradotta in lingua inglese dal professore universitario Carmine G. Di Biase, l’opera è diventata uno strumento didattico per alcune università americane e un’università giapponese dedicata a Shakespeare. L’opera, infatti, come scritto dalle note del regista italo-americano Vittorio Capotorto, “è una commedia brillante che mette il dito nella piaga comica delle ispirazioni-scopiazzature che i grandi autori teatrali della storia hanno utilizzato proficuamente per opere diventate poi capolavori”.

 

IL PRINCIPE
Commedia in tre atti

È la commedia dedicata al più grande attore comico italiano di tutti i tempi, Totò, detto anche “Il principe della risata”. La commedia, infatti, è liberamente tratta  da opere di Totò,  fondendo due poesie di Antonio De Curtis, ’A Livella e ’O Schiattamuorto, in una trama unica, arricchita con delle invenzioni, sempre al servizio del Totò pensiero. L’opera è stata apprezzata (e ovviamente autorizzata) dalla figlia e unica erede del “Principe” Liliana De Curtis che, nella circostanza, scrive anche un biglietto di congratulazioni ad Alessandro Casola.

 

’A FESTA ’E SANT’ANTUONO
Commedia in tre atti

È la commedia dedicata a una tradizione locale del casertano (Macerata Campania) che poi ha avuto riscontri internazionali. Infatti, si tratta di un suono musicale accompagnato da canto, ricavato da attrezzi agricoli perfettamente armonici, Tini, Botti e Falci. La tradizione ha origine nel XIII secolo e la commedia fa un excursus storico dell’evoluzione del suono, dalle sue prime manifestazioni che servivano per esorcizzare il maligno e come rito propiziatorio fino al proprio battesimo della musica “Pastellessa” denominazione che prende spunto da un personaggio locale realmente esistito, Zì Ntonio ’e Pastellessa, denominato così per la sua produzione di Pasta e Castagne lesse.

 


Webmaster: Vincenzo Capuano - Disegni: Vincenzo Polcari